Mini guida su come colorare casa

Mini guida su come colorare casa

Scegliere il colore delle pareti

Per il colore delle stanze che compongono le nostre case non esistono delle vere e proprie regole ma piuttosto delle linee guida comuni che ti spiegheremo, riassumendole, qui.

Mi raccomando però, ricordati sempre: la casa è la tua, sei tu che ci devi vivere, ognuno di noi è differente quindi niente paura se le tue idee dovessero essere diverse dai punti qui sotto.

Osa e segui il tuo istinto.

Colorare le pareti non rappresenta qualcosa di permanente, se dovessi stufarti si può sempre cambiare!

da Pinterest
da Pinterest

Effetti ottici

Detto quindi che non esiste un colore giusto ed uno sbagliato è importante però tenere presente che il colore gioca un ruolo importate nella percezione di un ambiente. La sensazione cambia non solo in base alla tonalità utilizzata, per cui ad esempio utilizzando una tinta chiara si otterrà un ambiente apparentemente più ampio e luminoso e viceversa utilizzandone uno scuro, ma anche a come si è steso il colore.

Solitamente si opta o per colorare solo alcune pareti oppure, effetto che apprezziamo molto, avere un effetto scatola, quindi andare a dipingere nel medesimo modo sia pareti che soffitto. Quest’ultimo utilizzo del colore darà un vero e proprio senso di uniformità alla stanza facendoci come sentire avvolti nell’ambiente.

Vediamo qui sotto alcuni schemi che abbiamo realizzato per cercare di sintetizzare al meglio i modi più comuni di applicare il colore alle pareti .

scatola_in2studio

Questi effetti possono essere utilizzati in tutti gli ambienti a seconda della sensazione che si vuole ottenere. Qui sotto, ad esempio vediamo due immagini dello stesso locale, a sinistra l’originale e a destra la stessa modificata da noi dando una “secchiellata” bianca al soffitto. Vedi quanto cambia l’effetto tra una e l’altra?

I colori stanza per stanza

Ricordando che non è uno di quegli argomenti per cui esiste una regola assoluta, vediamo ora le linee guida più comuni.

I colori vengono classificati in base alle sensazioni che trasmettono in tinte rilassanti, vivaci, malinconiche, equilibrate ecc. A seconda dell’ambiente in cui le applicheremo tenderemo quindi ad avere impatti diversi.

Solitamente si consiglia di utilizzare in:

  • ingresso – tinte calde, perfette per accogliere al meglio i tuoi ospiti.
  • soggiorno – sia colori decisi dalle tonalità intense come verdi, rosa, blu, grigi che chiari che amplificano l’ambiente.
  • camera da letto – verdi e soprattutto il blu, due colori rilassanti ed equilibrati.
  • cucina – colori chiari che danno una sensazione di pulito e freschezza, bianchi, beige, grigini.
  • bagno – colori chiari e luminosi in modo da riflettere al meglio la luce a disposizione che sia naturale o artificiale.

Come colorare l’ingresso

Iniziamo subito dalla prima stanza: l’ingresso. 

L’ingresso costituisce il filtro tra l’ambiente pubblico esterno e quello privato interno. Spesso è privo di finestre, ribassato con faretti incassati in un controsoffitto in cartongesso. (A proposito, hai idea di come illuminarlo? Se brancoli nel buio ti consigliamo di leggere qui).

L’ingresso rappresenta il posto in cui accoglierai i tuoi ospiti, il primo che vedrai quando tornerai a casa stanco dopo una giornata di lavoro. Insomma, che sia piccolo, grande, con finestre o meno è importante non sottovalutarlo perché è proprio lì che si ha il primo impatto su tutta la casa.

Come sarà quindi questa scatola? Colorata o neutra? A noi spesso piace osare nella scelta del colore dell’ingresso. Amiamo i colori decisi, intensi ma spesso polverosi quindi più caldi ed accoglienti. Questi sono i nostri gusti ovviamente, ma un consiglio per noi essenziale vogliamo dartelo: se decidessi di realizzare un ingresso colorato ti consigliamo di colorare anche il soffitto, per accentuare ancora di più l’effetto di contenitore, che comunica a chi vi entra un senso di intimità ed accoglienza. 

in2studio casa zen ingresso angolo

Come colorare il soggiorno

Il soggiorno, sempre più spesso ambiente unico che comprende anche la zona cucina, è indubbiamente la zona della casa che viviamo di più. Attenzione quindi a studiare attentamente le sue caratteristiche architettoniche. Facciamo attenzione alla quantità di luce che penetra all’interno dell’ambiente e se dovesse essere scarsa allora meglio optare su colori chiari e luminosi.

Con colori chiari e luminosi non intendiamo per forza il bianco, in tutte le sue sfumature, perché sì anche il bianco in realtà esiste in diverse tonalità, dal più caldo al più freddo e ottico. Un ottimo alleato secondo noi rimangono i toni chiari del beige e del grigio. Guarda l’immagine subito qui sotto. Subito potrà sembrarti bianca ma se guardi bene noterai subito che in realtà le pareti sono grigie, in contrasto con il lampadario che invece è effettivamente bianco. Questo per farti capire che il grigio, spesso sottovalutato, è un colore bellissimo che ci permette di distaccarci dall’avere le classiche pareti bianche ma allo stesso tempo rimane delicato e luminoso.

Altri esempi di living room un po’ diversi dal solito, colorati con colori forti ma polverosi, perfetti per non appesantire l’occhio.

FF house Studio Tamat
FF house Studio Tamat
da Pinterest
da Pinterest

Come colorare la camera da letto

Fosse per noi non avremmo dubbi: effetto scatola! Colorare soffitto e pareti dello stesso colore, crea immediatamente una forte sensazione di intimità, facendoci sentire quasi abbracciati dall’ambiente. Quale stanza migliore (dopo l’ingresso) se non la camera da letto per creare questo tipo di sensazione?

In camera da letto puntiamo su colori che calmino l’occhio e creino un’atmosfera di relax. Per eccellenza il colore più usato in camera da letto è il blu, declinato in tutte le sue tonalità. A noi piace però molto anche il sabbia o i grigi con sottotono caldo.

 

Studio Batiik Alésia
Studio Batiik Alésia
note design studio
note design studio
da Pinterest
da Pinterest

Le prove colori: fondamentali

Spesso capita che si scelga un colore da una mazzetta e che quando lo si vede applicato a parete ci risulti diverso, troppo diverso e si rimanga delusi. Per questo motivo e anche per accompagnare il cliente nella decisione, è importantissimo richiedere delle prove colore. L’imbianchino utilizzerà o dei pannelli in cartongesso che colorerà con le opzioni selezionate, oppure colorerà direttamente dei pezzi di parete. Il colore cambia molto a seconda della luce che lo colpisce e anche del supporto su cui viene steso. Non fare la prova potrebbe essere un errore!

Hai bisogno di aiuto?

Scrivi qui sotto la tua mail,  ti contatteremo per una consulenza gratuita!

    Prova che sei umano selezionando l'icona corrispondente a Albero.

    25 Febbraio 20210

    Add Comment